Svolta in Cina: cani e gatti fuori dalla lista di specie commestibili. Probabile addio al festival di Yulin

cina yulin

Svolta in Cina: cani e gatti fuori dalla lista di specie commestibili. Probabile addio al festival di Yulin

Cani e gatti non sono animali commestibili.

L’annuncio, rivoluzionario, arriva dalla Cina. Il Ministero per l’agricoltura del Dragone ha infatti inserito queste due specie di animali nella lista di animali domestici. La notizia, attesissima, arriva dopo anni di feroci polemiche per la barbarie con la quale i cani venivano uccisi in occasione del tristemente celebre Festival di Yulin.

La kermesse è ora destinata a sparire, per la gioia di cittadini ed associazioni animaliste che più e più volte si sono adoperate per portare alla luce la vergogna della macellazione di questi dolci animali da compagnia.

Nonostante la classificazione come animali domestici però la strada per lo stop al consumo della loro carne è ancora in salita. Stando a quanto riportano le fonti ufficiali, cibarsi di carne di cani e gatti non è ancora espressamente vietato. Circa 10 milioni di cani vengono uccisi ogni anno per essere mangiati nonostante oltre il 64% dei cittadini cinesi siano favorevoli alla cancellazione del Festival di Yulin.

Insomma, la strada per il pieno recupero dei diritti di cani e gatti è ancora lunga ma un passo avanti molto importante è stato fatto.

android
apple
facebook
twitter
youtube
frequenze

Questo sito utilizza cookies per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.